IA generativa – e poi? I robot umanoidi sono la prossima grande novità!

L’intelligenza artificiale generativa è diventata indispensabile a partire dal suo boom nel 2022 e nel 2023. Dopo il chatbot "ChatGPT" di OpenAI sono arrivati ​​sul mercato altri AI testuali, come Bard di Google o Copilot di Microsoft. Esiste anche una concorrenza indipendente sotto forma di modelli linguistici open source. Esistono ora numerose IA generative per la generazione di immagini e video, modelli multimodali per contenuti misti e così via. Ma il mondo della tecnologia continua a cambiare. La prossima grande novità è proprio dietro l'angolo e ha gambe meccaniche. Sono robot umanoidi.

Figura 01 – Questo è il nome del primo robot umanoide con comprensione supportata dall'intelligenza artificiale di vari compiti dalla figura di avvio. Questa azienda fortemente finanziata non è l'unico fornitore di umanoidi.
Figura 01 – Questo è il nome del primo robot umanoide con comprensione supportata dall'intelligenza artificiale di vari compiti dalla figura di avvio. Questa azienda fortemente finanziata non è l'unico fornitore di umanoidi.

Figura – Startup altamente finanziata per robot IA umanoidi

figura è l'ultima startup tecnologica di Brett Adcock, che in precedenza ha lanciato Vettery (una piattaforma di lavoro basata sull'intelligenza artificiale) e Archer (taxi aereo o società di "macchine volanti"). Secondo le sue stesse dichiarazioni, ora si sta concentrando principalmente su Figure e sul viaggio probabilmente decennale per creare robot elettromeccanici e umanoidi che devono essere utilizzati in vari campi di lavoro - in lavori difficili, pericolosi e / o spiacevoli. Brett Adcock ammette onestamente che l'azienda è rischiosa e ha poche possibilità di raggiungere effettivamente tutti gli obiettivi pianificati.

Ma ciò non impedisce ai grandi nomi del settore tecnologico di investire in questa idea e nell'azienda Figure. L’attuale round di finanziamento ha raccolto 675 milioni di dollari; Nel complesso, secondo la stampa specializzata, la società è già valutata 2 miliardi di dollari. Gli investimenti più grandi includono 100 milioni di dollari da Explore Investments LLC di Jeff Bezos, 95 milioni di dollari da Microsoft, 50 milioni di dollari ciascuno da Amazon e Nvidia, 25 milioni di dollari da Intel, 8,5 milioni di dollari da LG Innotek e 5 milioni di dollari da Samsung. Non ultime, hanno partecipato società di venture capital come Parkway Venture Capital (100 milioni) e Align Ventures (90 milioni).

Figura 01 – L’idea di un robot umanoide elettromeccanico

L’azienda ha chiamato il “primo robot commercialmente valido e autonomo” Figura 01. Questo sarà un umanoide alto 1,68 metri che pesa 60 kg e può trasportare 20 kg. Dovrebbe durare 5 ore con una singola carica e muoversi fino a 1,2 metri al secondo (4,32 chilometri all'ora). L’umanoide “generale” dovrebbe essere in grado di comprendere e svolgere vari compiti utilizzando l’intelligenza artificiale. La forma human-like è stata scelta per poter portare il robot direttamente negli ambienti di lavoro pensati per l'uomo.

Secondo Brett Adcock, CEO di Figure, Figure 01 e i suoi successori non intendono minacciare i posti di lavoro esistenti, ma piuttosto semplicemente colmare una lacuna nel mondo del lavoro attuale e futuro. Cita tra l'altro come esempio i magazzini, ad es. B. quelli delle grandi compagnie di navigazione. Lì ci sarebbe un esodo di dipendenti, il che significa che le aziende avrebbero difficoltà a coprire i posti vacanti e quindi a garantire la spedizione rapida dei prodotti acquistati. Non ci si chiede se l’esodo dei dipendenti sia dovuto forse alle cattive condizioni di lavoro, ai bassi salari o ad altri problemi.

Altri esempi di creatori di umanoidi

La figura è un esempio pubblicizzato di un settore che sta ancora vivendo uno scatto di crescita sotto il radar generale. E se pensate che poi citerò il robot "Optimus" di Tesla o "Atlas" di Boston Dynamics, vi sbagliate. Perché sono ancora di più le aziende che vogliono assicurarsi un posto nel mondo del lavoro elettromeccanico. Ad esempio, c'è la compagnia norvegese Tecnologie 1X, che quest'anno ha già visto un investimento di 100 milioni di dollari. Con EVE è già disponibile un modello di robot rotante. NEO, un modello in corso, è attualmente ancora in fase di sviluppo.

EVE (a sinistra) è il robot già disponibile di 1X Technologies. Il secondo modello, NEO (a destra), è ancora in fase di sviluppo.
EVE (a sinistra) è il robot già disponibile di 1X Technologies. Il secondo modello, NEO (a destra), è ancora in fase di sviluppo.

Poi c'è anche Santuario AI con il robot “Phoenix” alto 1,7 metri, che dovrebbe essere in grado di correre fino a 5 chilometri orari e trasportare fino a 25 kg. Il sistema AI che verrà utilizzato è sviluppato dall’azienda stessa e denominato “Carbon”. Sanctuary AI si vanta del fatto che Phoenix sia stato l'unico robot multiuso nell'elenco delle "migliori invenzioni 2023" di TIME Magazine. Resta da vedere se questa presunta migliore invenzione robotica prevarrà sulla concorrenza. Anche e soprattutto in quale specifico ambito lavorativo ciò dovrebbe avvenire.

Sanctuary AI sta sviluppando il robot umanoide chiamato Phoenix. Resta da vedere quanto bene l’“intelligenza generale di tipo umano” determinerà la sua capacità operativa.
Sanctuary AI sta sviluppando il robot umanoide chiamato Phoenix. Resta da vedere quanto bene l’“intelligenza generale di tipo umano” determinerà la sua capacità operativa.

I grandi nomi: Tesla, Boston Dynamics e Ghost Robotics

Gli eventi più efficaci mediaticamente si sono verificati negli ultimi anni Tesla , Boston Dynamics. Quest'ultima azienda può essere definita un pioniere, soprattutto per quanto riguarda le capacità meccaniche e le sequenze di movimento dei robot su due o quattro gambe. Il cane robot Spot è probabilmente l’esempio più noto di robot di questo tipo già in uso: anche la polizia della Renania Settentrionale-Vestfalia ha effettuato dei test per l’utilizzo di Spot nel 2022. Questo non deve essere confuso con il cane robot di Robotica fantasma, un'azienda che non ha nulla contro l'uso militare dei suoi dispositivi (anche da parte di Rheinmetall).

Sul sito web di Ghost Robotics diventa chiaro che le capacità operative generali dei robot presentati per le imprese possono essere sostituite anche con esempi militari.
Sul sito web di Ghost Robotics diventa chiaro che le capacità operative generali dei robot presentati per le imprese possono essere sostituite anche con esempi militari.

Finanziato e testato da Amazon: Agility Robotics

E poi c'è anche Agilità Robotica, azienda cofinanziata anche da Amazon, che già utilizza robot nei magazzini della compagnia di spedizioni. L'investimento di Amazon in Agility Robotics è avvenuto nel 2022. L'ultimo investimento in Figure - da parte di due delle società di Jeff Bezos - dimostra che Amazon è seria e non vuole fare affidamento solo su un unico cavallo di battaglia. Difficilmente riesco a immaginare che si tratti solo di riempire posti permanentemente vuoti. Ma resta da vedere come e in che misura i robot umanoidi verranno utilizzati in lavori impopolari, se non intrinsecamente pericolosi.

Agility Robotics dimostra che i robot che ti portano via il lavoro possono anche sembrare davvero carini.
Agility Robotics dimostra che i robot che ti portano via il lavoro possono anche sembrare davvero carini.

Robot umanoidi: utilizzo nella logistica di magazzino, nel commercio, nell'assistenza, nel salvataggio, nell'esercito

Naturalmente, l’intera faccenda solleva la grande domanda: qual è lo scopo di tutto ciò? Osservando gli esempi di utilizzo nella logistica di magazzino si può immaginare che la sostituzione delle persone con i robot non sia una questione di pericolo, ma di costi. Non vuoi dare ai dipendenti salari più alti e migliori condizioni di lavoro. Quindi sono necessari robot che mostrino chiaramente alle persone rimanenti che sono sostituibili. Ma dove possono ancora aspettarsi le vendite Figure, Agility Robotics, Sanctuary AI, 1X Technologies e Co.? Fondamentalmente i campi di applicazione sono molto diversi: alcuni comprensibili, altri più distopici.

Può fare un'impressione più piacevole se un robot simile a un essere umano aiuta a sollevare una persona che ha bisogno di essere curata. Più che se per supportare gli infermieri venisse utilizzato un dispositivo dall’aspetto industriale che somiglia più a un carrello elevatore. Ma a causa del carico utile attualmente specificato di soli 20-25 kg, questo campo di applicazione non è ancora realmente concepibile. La ricerca delle persone sepolte dopo un terremoto o un altro disastro è più concepibile. Anche l'ispezione di edifici a rischio di crollo o aree di applicazione simili è logica. Il prossimo passo è il dispiegamento militare, che è anche il più preoccupante.

E i “lavori pericolosi”?

Tra le altre cose, Figure afferma che il robot Figure 01 dovrebbe essere creato per lavori troppo pericolosi per l'uomo. Ma nulla è realmente specificato. Come già accennato, il video incorporato sopra riguarda molto la logistica di magazzino. Ho già espresso la mia opinione in merito. Per me personalmente ci sono ancora troppe domande senza risposta. Il mercato offre abbastanza “lavori pericolosi” da giustificare il numero di produttori di umanoidi o da fornire loro sufficienti vendite? Dove sono i confini dell’azienda e saranno ad es. B. superato per i militari se il prezzo è giusto? Un argomento difficile sul quale continuerò ad informarmi.

Conclusione: i robot umanoidi sono la prossima grande e spaventosa novità

Possiamo vedere dai progressi tecnologici già utilizzabili degli ultimi anni e decenni come le opportunità e i danni siano bilanciati. L’intelligenza artificiale generativa, con il suo potenziale di deepfake, disinformazione e altri usi fuorvianti, è l’esempio più recente. In futuro, oltre al mondo digitale, anche il mondo fisico si confronterà direttamente con l’ingresso dei produttori di robot nel mercato del lavoro. Non si tratterà solo di posizioni da ricoprire; no, se a qualcuno venisse l’idea di confrontare i costi a lungo termine del lavoro umano con quelli dei robot. In quest'ultimo caso l'ulteriore formazione può essere effettuata almeno tramite un aggiornamento del software.

Fonti e approfondimenti

I nostri attuali contributi all’intelligenza artificiale generativa

I miei consigli e trucchi sulla tecnologia e su Apple

Ti è piaciuto l'articolo e le istruzioni sul blog ti hanno aiutato? Allora sarei felice se tu il blog tramite un'iscrizione stabile sosterrebbe.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con * segnato

Nel blog di Sir Apfelot troverai consigli, istruzioni e recensioni sui prodotti Apple come iPhone, iPad, Apple Watch, AirPods, iMac, Mac Pro, Mac Mini e Mac Studio.

Speciali
Shopping
  •  
  •