Cinegiornale Sir Apfelot settimana 7, 2024

Ora puoi terminare la ricerca del materiale di lettura giusto per iniziare il fine settimana. Perché ecco la nuova edizione del cinegiornale Sir Apfelot. Questa volta ti mostrerò quali notizie Apple e tecnologiche hanno attirato la mia attenzione nella settimana di calendario 7 del 2024. Questi rapporti includono tra l'altro: Prime Video con ancora più funzioni di acquisto, uno studio evidenzia l'odio online e le sue conseguenze, Microsoft investe 3,2 miliardi di euro in centri di intelligenza artificiale tedeschi, OpenAI collabora con i militari, missioni lunari con partecipazione commerciale, dogane riscosse di Vision Pro e altro ancora!

Nel cinegiornale Sir Apfelot per la settimana di calendario 7 del 2024 ci sono, tra gli altri, questi rapporti: quelli sull'odio online, Microsoft con centri AI in Germania, OpenAI e l'esercito, missioni lunari, Vision Pro e altro ancora!
Nel cinegiornale Sir Apfelot per la settimana di calendario 7 del 2024 ci sono, tra gli altri, questi rapporti: quelli sull'odio online, Microsoft con centri AI in Germania, OpenAI e l'esercito, missioni lunari, Vision Pro e altro ancora!

Amazon Prime Video: 2,99€ di sovrapprezzo adesso anche per le altre funzioni

L'ultimo introdotto sul servizio di streaming di Amazon Prime Video Annunci non sono le uniche novità dalle quali dovresti riscattarti con 2,99€ in più al mese. Come è stato ora annunciato, oltre alla libertà dalla pubblicità, anche altri vantaggi di Prime Video sono stati trasferiti all'abbonamento aggiuntivo: Dolby Vision, Dolby Atmos e guardare con gli altri utilizzando la funzione "Guarda festa". Queste ulteriori modifiche non furono annunciate in anticipo e furono introdotte più o meno segretamente. Il tutto equivale ad un aumento dei prezzi realizzato dietro l'angolo, motivo per cui il centro per la tutela dei consumatori ha intentato una causa (fonti: 1, 2).

“Odio forte – ritiro silenzioso”: studio sui messaggi di odio su Internet

La rete di competenza contro l’odio online ha pubblicato uno studio della pollytix strategic Research GmbH dal titolo “Loud hate – quiet ritirata”. Su 81 pagine (o 43 pagine PDF), secondo le sue stesse dichiarazioni, "il sondaggio più completo sulla percezione, l'impatto e le conseguenze dell'odio online in Germania dal 2019" mostra uno sviluppo piuttosto negativo. Ciò non lo dimostra solo l'89% degli intervistati che afferma di aver notato un aumento dell'odio su Internet. Significativo è anche il numero di persone che hanno già sperimentato l’odio online e che quindi si ritirano da determinati ambiti o quantomeno nascondono le proprie opinioni.

Il 71% non è d’accordo con l’affermazione di Wutbürger “Alcuni messaggi di odio dicono finalmente quello che va detto”. Ciò che è interessante qui è la ripartizione delle risposte in base alle intenzioni di voto: un quadro emerge dal B90/Verdi (88% contrario) all'AfD (47% favorevole). Nel complesso, il 76% ha anche dichiarato di temere che l’odio online possa aumentare la violenza nella vita di tutti i giorni. Tra quelli già colpiti la percentuale raggiungeva l'82%. A causa dell’odio online, il 55% di tutti gli intervistati partecipa meno alle discussioni online; tra quelli già colpiti è il 70%. Potete trovare questi ed altri risultati preparati graficamente nel PDF linkato sopra.

Microsoft vuole investire 3,2 miliardi di euro nell'infrastruttura AI tedesca

Per promuovere l’implementazione dell’intelligenza artificiale in Europa, Microsoft vuole investire complessivamente 3,2 miliardi di euro nei data center tedeschi nell’arco di due anni. Lo ha annunciato Brad Smith, presidente del gruppo Microsoft, in una conferenza stampa a Berlino, alla quale era presente anche il cancelliere federale Olaf Scholz.

“Le aziende tedesche stanno integrando le tecnologie di intelligenza artificiale molto rapidamente”, ha affermato. E: “Stiamo espandendo i nostri centri di elaborazione dati nella regione”. Microsoft prevede di ottenere un vantaggio IA in Europa attraverso la collaborazione con OpenAI e attraverso i data center pianificati e le offerte cloud. I nuovi impianti verranno costruiti nella Renania Settentrionale-Vestfalia e nell'Assia. Gli investimenti comprendono la formazione dei lavoratori (Fonte).

Proteste contro la collaborazione di OpenAI con i militari

Mentre Microsoft immagina un florido futuro dell'IA, c'è una manifestazione davanti alla sede del suo partner OpenAI. Lunedì si potevano vedere almeno una trentina di persone davanti all'edificio a San Francisco. Hanno chiesto tra l’altro di sospendere lo sviluppo dell’intelligenza artificiale e l’offerta di strumenti di intelligenza artificiale per esplorare i possibili pericoli. Oltre a questa richiesta più generale, si trattava anche di cambiare segretamente i principi aziendali di OpenAI. Da esso è stato eliminato il chiaro rifiuto di fornire la propria IA per l'esercito e la guerra.

Allo stesso tempo, si critica il fatto che all’inizio di OpenAI, il CEO Sam Altman abbia dato al consiglio la possibilità di licenziarlo se avesse preso decisioni sbagliate. Questo è stato anche provato una volta. Ma Altman è tornato in azienda cinque giorni dopo e da allora ha continuato a gestirla indisturbato. Considerando la collaborazione avviata ora con il Dipartimento della Difesa americano, questo non è uno sviluppo particolarmente rassicurante. Per il momento, devono essere sviluppati solo software di sicurezza informatica open source e software per prevenire il suicidio dei veterani. Ma resta da vedere se le cose resteranno così (Fonte).

Lanciata la missione lunare statunitense: trasporto privato, compreso carico governativo

Non solo gli Stati Uniti non sono riusciti ad effettuare uno sbarco sulla Luna da parte della NASA dal 1972, ma anche alcuni tentativi di allunaggio di sonde spaziali e apparecchiature simili da allora sono falliti. Più recentemente è stata la Astrobotic Technology Inc., che nel gennaio 2024 ha inviato un veicolo spaziale verso la Luna, ma non è riuscita ad atterrare sul satellite terrestre a causa di un errore di propulsione. Un nuovo tentativo arriva ora dalla società Intuitive Machines Inc. La sua capsula da trasporto “Nova-C” è decollata ieri su un razzo SpaceX e atterrerà il 22 febbraio 2024. A bordo ci sono sei carichi della NASA e cinque del settore privato.

La missione fa parte di un'iniziativa della NASA per promuovere lo sviluppo commerciale e il dispiegamento di sonde lunari e compagni lunari. L'obiettivo è, tra l'altro, quello di trasportare attrezzature e materiali della NASA senza che l'agenzia americana debba costruire essa stessa i relativi razzi, capsule di trasporto e simili. La gara in cui Intuitive Machines Inc. si è aggiudicata l'appalto si è svolta nel 2019. Oltre all'attività logistica pubblicizzata, l'azienda ha anche i propri piani: lo sviluppo della propria tecnologia lunare e la creazione di una rete satellitare in orbita lunare (fonti: 1, 2).

App Kimi: il presunto test della vista ha fornito flussi illegali

Ci sono sempre segnalazioni di programmi che riescono a superare i controlli dell'App Store di Apple. Poi si finisce in un grande magazzino di software che in realtà è considerato sicuro, ma così facendo si violano le relative linee guida ed eventualmente anche la legge. Questo è stato recentemente il caso di un’app chiamata “Kimi”.

Secondo la descrizione dell'app nello store, questa dovrebbe aiutare gli utenti a controllare la propria vista e identificare eventuali punti deboli della vista con un esame della vista. Dopo il download, l'app conteneva invece film e serie che potevano essere trasmessi in streaming gratuitamente (e illegalmente). Dopo un'ondata di download, Apple ha eliminato l'app dallo store senza commenti (Fonte).

Importazione dell'Apple Vision Pro: dogana con le prime determinazioni

L'Apple Vision Pro è disponibile negli Stati Uniti ormai da due settimane. E anche se finora può essere gestito solo in inglese ed essere equipaggiato con app solo tramite un ID Apple americano, fuori dagli Stati Uniti è già molto popolare. Come già mostrato la settimana scorsa, si registrano prezzi di acquisto elevati su diverse piattaforme online, dal Giappone alla Cina a Singapore. E il Vision Pro viene portato anche in Germania, a volte personalmente tramite un volo in coincidenza.

Ma se vuoi uscire dall'aeroporto senza dover dichiarare la dogana al tuo ritorno, puoi dire addio al nuovo computer spaziale. Perché l'imposta sulle vendite all'importazione di 660 euro supera il limite di esenzione di 430 euro. Solo all’aeroporto BER, nella prima settimana di disponibilità di Vision Pro sono stati registrati otto tentativi di importazione non dichiarati. Il dispositivo sarà trattenuto fino alla chiusura del singolo caso; il tempo di attesa fino alla pubblicazione può essere di ben 12 mesi. Quindi è meglio aspettare che il nuovo hardware di Apple venga ufficialmente messo in vendita in Germania (fonte: 1, 2).

La forma ideale del Vision Pro non è prevista fino alla quarta generazione

Il team di ricerca di Vision Pro afferma che il dispositivo raggiungerà la sua “forma ideale” solo con la quarta generazione. Poiché si tratta di una gamma di prodotti completamente nuova che può ancora gestire molti feedback degli utenti, ciò non sorprende. A partire dalla quarta generazione di dispositivi, però, non dovrebbe esserci solo un migliore comfort per l’uso quotidiano. Solo allora gli obiettivi fissati dal team di visione per il dispositivo dovrebbero essere pienamente realizzabili.

Prima della presentazione del Vision Pro circolavano sempre voci secondo cui il team dietro al progetto non pensava che fosse ancora il momento giusto. Tuttavia, si dice che il consiglio abbia esercitato pressioni affinché il dispositivo venga immesso sul mercato o rottamato. Resta da vedere se l'Apple Vision Pro Gen. 4 risolverà tutti i bug, il problema del peso e la breve durata della batteria. Guardando indietro, anche iPhone, iPad e Apple Watch hanno avuto bisogno di alcune revisioni per diventare quello che avrebbero dovuto essere (fonti: 1, 2).

Ancora più Sir Apfelot per te!

Ti è piaciuto l'articolo e le istruzioni sul blog ti hanno aiutato? Allora sarei felice se tu il blog tramite un'iscrizione stabile sosterrebbe.

2 commenti su "Sir Apfelot cinegiornale settimana 7, 2024"

  1. Viaggiatore nel tempo

    Ciò che Amazon sta attualmente facendo con Prime è piuttosto impressionante. Considerando il fatto che Amazon ha aumentato significativamente i prezzi qualche tempo fa, questo è ovviamente un oltraggio. Dato che purtroppo la concorrenza non è molto migliore, probabilmente per il momento resterò con Amazon Prime. Purtroppo anche la televisione lineare non rappresenta un’alternativa, perché ad esempio i programmi della televisione pubblica sono completamente contaminati da sceneggiati polizieschi. Nelle emittenti private la pubblicità dilaga come un cancro. Non è divertente nemmeno guardare un film. Ad essere onesti, sono sorpreso da dove le aziende ottengono tutti i loro clienti pubblicitari. La pubblicità ha davvero ancora successo se la pubblicità esce già dalle orecchie dei clienti?

    1. Ciao Viaggiatori del Tempo! Non lo so anch'io. Per me a volte è un motivo per non comprare qualcosa se la pubblicità è fastidiosa. E non guardo la televisione “normale” da molto tempo. Questo è insopportabile. Rimangono quindi solo i servizi di streaming e YouTube.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con * segnato

Nel blog di Sir Apfelot troverai consigli, istruzioni e recensioni sui prodotti Apple come iPhone, iPad, Apple Watch, AirPods, iMac, Mac Pro, Mac Mini e Mac Studio.

Speciali