Apple Music: cos'è Dolby Atmos?

Nell'app Apple Music su Mac, iPhone, iPad e altri dispositivi Apple, nella visualizzazione di album e titoli è possibile trovare da tempo vari simboli e termini, che hanno lo scopo di descrivere la qualità dell'audio. Oltre a Lossless, sono inclusi anche Hi-Res Lossless e Apple Digital Master Dolby Atmos. Ma cosa c'è dietro il simbolo e il nome "Dolby Atmos" in Apple Music? Qui trovi la risposta, una breve spiegazione sull'argomento e link per ulteriori letture. 

Che cos'è Dolby Atmos nell'abbonamento Apple Music? Qual è lo scopo della tecnologia audio nella musica

Che cos'è Dolby Atmos nell'app Apple Music?

Se tocchi il simbolo di questa descrizione della qualità in iOS o iPadOS, vedrai un piccolo testo esplicativo. In questo si dice: Dolby Atmos è un'esperienza audio coinvolgente in cui il suono ti avvolge da tutti i lati, anche dall'alto. L'obiettivo è creare un'atmosfera sonora che crei un'esperienza di ascolto spaziale. Questo è possibile solo su iPhone o iPad se tieni il dispositivo correttamente davanti a te, ma funziona meglio quando si utilizzano cuffie compatibili. Se questo ti suona familiare, allora la procedura è forse migliore per te sotto i nomi Audio 3D o Audio spaziale noto.

L'audio 3D è realizzato nell'abbonamento Apple Music con Dolby Atmos

"Se ti abboni ad Apple Music, puoi ascoltare brani selezionati in audio 3D con Dolby Atmos", dice la pagina di supporto HT212182 di Apple. Puoi arrivarci non solo con il link, ma anche se sei nella musica App Prima tocca "Dolby Atmos" e poi "Maggiori informazioni". Nella pagina imparerai quindi come utilizzare la tecnologia audio su vari dispositivi Apple: su iPhone e iPad, su Mac, su HomePod, con Apple TV e anche su dispositivi Android di altri produttori. In fondo c'è una FAQ con le domande più frequenti e le risposte appropriate sull'argomento.

Che cos'è in realtà Dolby Atmos?

Dolby Atmos non è qualcosa che Apple ha inventato. La tecnologia audio di Dolby Laboratories è in circolazione dal 2012. A quel tempo era inizialmente destinata a cinema e sistemi home cinema. In teoria, la tecnologia consente l'utilizzo di un numero illimitato di tracce audio. Questi possono essere utilizzati in un ambiente digitale 3D in modo tale da simulare un ambiente sonoro spaziale. Ciò è spiegato in modo più concreto e tecnico nella sezione corrispondente Articolo di Wikipedia: "Contrariamente ai formati surround puramente basati sui canali, i metadati basati su vettori per oggetti in movimento possono essere integrati nel flusso di dati, le cui coordinate vengono quindi calcolate dal ricevitore rispetto alla rispettiva configurazione dell'altoparlante."

Ti è piaciuto l'articolo e le istruzioni sul blog ti hanno aiutato? Allora sarei felice se tu il blog tramite un'iscrizione stabile sosterrebbe.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con * segnato

Nel blog di Sir Apfelot troverai consigli, istruzioni e recensioni sui prodotti Apple come iPhone, iPad, Apple Watch, AirPods, iMac, Mac Pro, Mac Mini e Mac Studio.

Speciali