VPN e proxy Web a confronto: somiglianze e differenze

Prima che sorgesse il grande clamore che circondava le VPN, l'uso del proxy era molto popolare per reindirizzare le richieste Web e nascondere l'indirizzo IP. E anche se oggi i servizi VPN e le funzioni VPN integrate nei browser o nei sistemi operativi sono onnipresenti, esistono ancora offerte proxy Web che reindirizzano il traffico dati tramite server proxy tramite determinate impostazioni o siti Web. È quindi importante non solo sapere cosa hanno in comune le due opzioni, ma soprattutto conoscere le differenze, perché queste risiedono nella sfera privata.

VPN e proxy Web a confronto: la rete privata virtuale crittografa tutti i dati Internet del sistema o del dispositivo. Il proxy riceve solo singole richieste e quindi le reindirizza. Quindi la differenza principale è la privacy.
VPN e proxy Web a confronto: la rete privata virtuale crittografa tutti i dati Internet del sistema o del dispositivo. IL delega riceve solo singole richieste e poi le reindirizza. Quindi la differenza principale è la privacy.

In poche parole: cos'è una VPN?

Una VPN (Virtual Private Network) è una tecnologia che criptato Stabilisce una connessione tra il tuo dispositivo (computer, smartphone, tablet, ecc.) e un server Internet, oltre a reindirizzarlo tramite server in altre posizioni per nascondere la tua posizione reale e l'IP. Questo protegge la tua privacy online. 

La tua identità e le tue attività sono meglio protette con la crittografia. Le VPN consentono la navigazione anonima, ignorano le restrizioni geografiche e aggiungono un ulteriore livello di sicurezza sulle reti pubbliche, in particolare le reti Wi-Fi. Agiscono anche a livello di dispositivo o sistema operativo per schermare e reindirizzare eventuali connessioni Internet; ancor prima dell'internet provider.

In poche parole: cos'è un proxy Web?

Un proxy web è un server che funge da intermediario tra il tuo dispositivo (computer, smartphone, tablet, ecc.) e Internet. Consente l'accesso mascherato ai siti Web inoltrando richieste per conto dell'utente. Il proxy può nascondere l'indirizzo IP dalla destinazione della richiesta e fingere un altro, eludere le restrizioni di accesso e il contenuto della cache (cache proxy) per migliorare i tempi di caricamento. 

I proxy Web offrono un anonimato limitato e vengono utilizzati in ambienti professionali per un accesso più rapido ai dati da posizioni diverse e privatamente per aggirare le restrizioni geografiche. Offrono però no Crittografando i dati e agendo a livello di app, ovvero reindirizzando solo le richieste di un browser o di un'app. La richiesta raggiunge il server proxy nel solito modo, in modo che sia riconoscibile dall'esterno.

Somiglianze tra VPN e proxy web

Una delle ovvie somiglianze tra VPN e proxy Web è che entrambe le tecnologie interpongono i server per mostrare alla destinazione della richiesta un indirizzo IP e una posizione diversi. Questo può essere utile per poter utilizzare le offerte di streaming di altri paesi o per ottenere un prezzo più conveniente nei negozi o con i servizi di noleggio. Anche le restrizioni nazionali su YouTube possono essere aggirate in entrambi i modi. Inoltre, il tracciamento e la pubblicità personalizzata sono resi più difficili per le aziende interessate. 

Differenze tra VPN e proxy

Una delle maggiori differenze tra le due opzioni di reindirizzamento è che il provider VPN può reindirizzare tutte le comunicazioni Internet dal dispositivo o dal sistema operativo attraverso i propri server. Non solo cerchi i siti Web nel browser Web tramite un altro server, ma consenti anche alle app di comunicare con Internet in modo indiretto. Il caricamento del contenuto dell'app, gli aggiornamenti dell'app, l'invio e la ricezione di e-mail, l'utilizzo del cloud storage e molto altro sono così protetti dal tracciamento e dalla lettura tramite connessioni WLAN pubbliche.

Perché il provider VPN, che di solito viene fornito con un'app per il dispositivo, prima crittografa tutti i dati in uscita. Vengono quindi inoltrati al server VPN attraverso il tunnel dati crittografato. Solo lì diventano richieste web e server che vengono rilasciate su Internet. Anche le risposte a questo vengono crittografate sui server VPN e solo successivamente inviate al dispositivo finale, dove vengono decrittografate. Questo crea lo scudo contro le intuizioni del provider Internet. Questo può anche essere disattivato per determinate app e siti Web, ad es. B. per prevenire difficoltà di accesso all'online banking.

Esistono anche proxy per app e sistemi operativi?

Mentre il tipo più noto di proxy si presenta come proxy Web per l'impostazione in un browser Web o per l'utilizzo tramite un sito Web, in realtà esistono proxy che possono essere impostati per altri programmi oltre che per il sistema. Ad esempio, macOS così come Windows e Linux offrono la possibilità di utilizzare un rispettivo server proxy nelle impostazioni di sistema. E anche i router Internet offrono la possibilità di controllare un server proxy, ma anche questo richiede molto impegno e non garantisce che i dati siano crittografati.

Ecco come appaiono le impostazioni del proxy su macOS Ventura. A parte questo, ci sono anche impostazioni VPN a livello di sistema.
Ecco come appaiono le impostazioni del proxy su macOS Ventura. A parte questo, ci sono anche impostazioni VPN a livello di sistema.

Come termine tecnico puoi fare riferimento a questo argomento, ad es. B. Notare il proxy SOCKS. Un proxy SOCKS (SOCKet Secure) è uno speciale server proxy che funziona a livello di trasporto e media il traffico di dati tra client o app e il loro server, ovvero non funziona solo a livello web e HTTP, ma supporta anche altri protocolli Internet . Tuttavia: il modo più semplice per far comunicare l'intero sistema con Internet in forma crittografata è tramite una VPN: con proxy a livello di sistema o addirittura di router è più qualcosa per gli hobbisti con una vasta conoscenza specialistica.

Ci sono numerose offerte VPN

Quindi, se stai cercando una soluzione conveniente non solo per mostrare alla destinazione della richiesta una posizione diversa sul web, ma anche per reindirizzare l'intera comunicazione Internet del dispositivo in forma crittografata, puoi utilizzare una VPN per questo scopo. I singoli provider cercano di superarsi a vicenda con il numero delle loro sedi e server, nonché con le funzioni aggiuntive. 

Oltre alle opzioni di eccezione sopra menzionate per singole applicazioni o siti web, ci sono anche funzioni "kill switch" che interrompono l'intera connessione Internet se la VPN fallisce, ma questo è più per giornalisti e attivisti che devono proteggersi al meglio possibile dall'essere monitorati.

Per uso privato, i provider VPN promettono una connessione sicura, crittografata, anonima e, soprattutto, veloce. Quando cerchi un proxy web adatto devi lottare con tempi di accesso a volte piuttosto lunghi e possibili tempi di inattività o guasti funzionali completi, i servizi VPN assicurano una connessione stabile con velocità dati elevate (l'esaurimento di questi dipende ovviamente dalla tua connessione Internet). 

Quindi possono essere utilizzati per la navigazione generale, per i processi in background e allo stesso tempo per lo streaming di buona qualità. Esiste un'ampia varietà di servizi e offerte che, a causa della grande concorrenza, continuano a sottoquotarsi a vicenda nei prezzi attraverso promozioni e sconti. Qui nel blog abbiamo l'un l'altro già esaminato diversi servizi VPN e può quindi riferirsi a quanto segue:

I miei consigli e trucchi sulla tecnologia e su Apple

Ti è piaciuto l'articolo e le istruzioni sul blog ti hanno aiutato? Allora sarei felice se tu il blog tramite un'iscrizione stabile sosterrebbe.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con * segnato

Nel blog di Sir Apfelot troverai consigli, istruzioni e recensioni sui prodotti Apple come iPhone, iPad, Apple Watch, AirPods, iMac, Mac Pro, Mac Mini e Mac Studio.

Speciali
Shopping
  •  
  •