Deep Fusion è la risposta di Apple alla funzione Night Sight di Google per la fotografia in condizioni di scarsa illuminazione

La funzione Deep Fusion è riservata all'iPhone 11 Pro

Nel keynote, in cui è stato presentato l'iPhone 11 Pro, tra le altre cose, Phil Schiller ha fornito un piccolo assaggio di una funzionalità che Apple chiama "Deep Fusion". Secondo Phil Schiller, questa è fotografia assistita da computer combinata con scienza pazza (la sua citazione era "fotografia computazionale scienza pazza"). Durante la visione del keynote, non mi è stato subito chiaro cosa faccia la funzione, perché nel keynote sono già state presentate buone foto in condizioni di scarsa illuminazione in relazione all'iPhone 11, quindi presumo che qui ci sia qualcosa di più.

Con la funzione "Deep Fusion", iPHone 11 Pro combina nove singole immagini in un'unica grande immagine da 24 MP.
Con la funzione "Deep Fusion", l'iPHone 11 Pro combina nove singole immagini in un'unica grande immagine da 24 MP.

Cosa fa esattamente Deep Fusion?

Mi sono posto esattamente questa domanda e ho guardato di nuovo il passaggio pertinente nella nota chiave. Per quei lettori che vogliono guardare insieme, inizia con il timestamp 1:21:55 nel keynote.

Nel dettaglio accade quanto segue: L'iPhone 11 Pro (solo la versione con i 3 obiettivi e non il normale iPhone 11 senza Pro!) scatta nove foto anche prima di premere il pulsante di scatto. Quattro di queste sono foto con esposizione breve e quattro sono foto con esposizione leggermente più lunga. L'ultima foto viene salvata non appena si preme il pulsante di scatto (facendo nove foto), dove questa è una lunga esposizione.

Entro un secondo dalla pressione del pulsante di scatto, il Neural Engine di iPhone 11 Pro analizza e combina tutti i singoli scatti, pixel per pixel, in un'unica immagine, utilizzando solo i migliori scatti per l'aggregazione.

Il risultato finale è una fotografia con 24 megapixel, caratterizzata da un livello di dettaglio particolarmente elevato e da un basso rumore dell'immagine.

Secondo Phil Schiller, questa è la prima volta che il Neural Engine è stato utilizzato per produrre foto, ed è stato in questo contesto che è emersa l'espressione "scienza pazza della fotografia computazionale".

Questa foto demo è stata l'unica che Apple ha fornito per la presentazione di Deep Fusion.
Questa foto demo è stata l'unica che Apple ha fornito per la presentazione di Deep Fusion.

Fotocamera iPhone 11 Pro Deep Fusion: risoluzione da 24 MP anziché 12 MP

Chiunque si sia occupato dei dati tecnici di iPhone 11 Pro avrà notato che le tre fotocamere integrate hanno solo una dimensione del sensore di 12 megapixel. Questo era anche il caso dell'iPhone XS, motivo per cui la risoluzione più alta delle foto dell'iPhone era in precedenza di 12 MP.

Con la funzione fotocamera Deep Fusion, invece, l'iPhone 11 Pro ora emette foto da 24 megapixel, che tecnicamente possono essere realizzate solo combinando più foto in una più grande e i dettagli vengono creati sfocando minimamente durante la registrazione. C'è un'app fotografica chiamata "Hydra" che adotta un approccio simile, lanciando foto da 32 MP. Puoi provare le foto qui nella pagina degli sviluppatori sotto “Super risoluzione (Zoom / Alta risoluzione)”.

Anche se Hydra non è certo male, il risultato ottenuto con iPhone 11 Pro dovrebbe essere decisamente più comodo e migliore.

Alternativa a Google Night Sight di Apple

Bisogna ammettere a Google che hanno chiaramente eclissato tutti gli scatti in condizioni di scarsa illuminazione degli iPhone precedenti con gli scatti Night Sight. Il background tecnico è che - per quanto ho letto - gli smartphone Google Pixel possono modificare le foto scattate nel cloud di Google e ottenere così l'impressionante qualità delle foto in modalità Night Sight. L'affermazione non è corretta. Ho controllato di nuovo e ho appreso che tutte le modifiche vengono eseguite sul Pixel e nessun dato viene caricato sul cloud.

Con il rilascio di Google Pixel 3 con la funzione Night Sight, Google ha confrontato le foto di un iPhone X con Google Pixel 3. All'epoca, l'iPhone X non aveva un bell'aspetto: con l'iPhone 11 Pro, Apple ora sta tenendo il passo.
Con il rilascio di Google Pixel 3 con la funzione Night Sight, Google ha confrontato le foto di un iPhone X con le foto di Google Pixel 3. All'epoca, l'iPhone X non aveva un bell'aspetto: con l'iPhone 11 Pro, Apple ora sta tenendo il passo.

Con la modalità Deep Fusion dell'iPhone, nessuna foto va in giro e certamente non su server di terze parti, a meno che tu non abbia esplicitamente impostato che le desideri nella libreria di foto di iCloud. Apple è nota per cercare di risolvere sempre cose come questa localmente sul dispositivo. Per questo motivo, Deep Fusion potrebbe arrivare solo ora che c'è un nuovo iPhone con un processore più veloce.

In ogni caso, Apple dovrebbe raggiungere il livello di Google in termini di scatti in condizioni di scarsa illuminazione con questa funzione. L'unica domanda è se Google ha qualcosa nella manica per alzare un po' l'asticella con il prossimo Pixel Phone.

Google Night Sight vs Apple Night Mode

Tutti i modelli di iPhone 11 sono dotati di una funzione chiamata Night Mode, mentre Deep Fusion è probabilmente riservato ai modelli Pro. Tecnicamente, la modalità notturna è più simile alla modalità Google Night Sight, poiché entrambe le modalità si basano su tempi di esposizione più lunghi e quindi calcolano le foto insieme, in modo simile alla modalità HDR. Con Deep Fusion, d'altra parte, sembra esserci molta più "magia tecnica" in sottofondo.

In questo caso, è interessante notare come la modalità notturna dell'iPhone differisca dalla modalità di visione notturna dei telefoni pixel. Da quanto ho potuto raccogliere dai precedenti rapporti di prova, la modalità notturna di Apple sembra essere molto più naturale, poiché le foto mostrano ancora chiaramente che la foto è stata scattata al buio. Con la modalità Night Sight dei telefoni Pixel, invece, le foto sembrano più come se fossero state scattate durante il giorno.

Dal punto di vista di un fotografo, mi piace molto di più l'approccio di Apple, perché mi piace quando nelle foto viene mantenuto l'atmosfera notturna, ma i colori e i dettagli sono comunque notevolmente migliori rispetto alla modalità notturna dei modelli iPhone XR, XS e XS Max

Quando arriverà Deep Fusion su iPhone?

Sono curioso di vedere come si comporta in pratica Deep Fusion. Secondo Phil Schiller, non solo è buono per le riprese in condizioni di scarsa illuminazione, ma può anche produrre risultati impressionanti con una luce migliore.

Tuttavia, Deep Fusion non è ancora disponibile con la consegna dei modelli iPhone 11 Pro. Sarà aggiunto ai modelli Pro da Apple solo con un aggiornamento software questo autunno.

 

I miei consigli e trucchi sulla tecnologia e su Apple

Ti è piaciuto l'articolo e le istruzioni sul blog ti hanno aiutato? Allora sarei felice se tu il blog tramite un'iscrizione stabile sosterrebbe.

2 pensieri su "Deep Fusion è la risposta di Apple alla funzione Night Sight di Google per la fotografia in condizioni di scarsa illuminazione"

  1. "Il background tecnico è che - per quanto ho letto - gli smartphone Google Pixel possono modificare le foto scattate nel cloud di Google e ottenere così la qualità impressionante delle foto in modalità Night Sight." - Che sciocchezza, significherebbe che Night Sight non funzionerebbe se fossi offline. Inoltre, nessuno deve caricare la propria foto da nessuna parte. Fonte per tali affermazioni per favore.

    1. Ciao Mario! Hai assolutamente ragione. Ho appena letto di nuovo di Night Sight sui blog inglesi e non dice da nessuna parte che le foto vengono elaborate nel cloud. Quindi succede tutto su Google Pixel. Correggo il passaggio all'inizio dell'articolo. Grazie per il tuo suggerimento. Avevo sentito quella dichiarazione su un podcast, ma sembravano anche essere male informati.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con * segnato

Nel blog di Sir Apfelot troverai consigli, istruzioni e recensioni sui prodotti Apple come iPhone, iPad, Apple Watch, AirPods, iMac, Mac Pro, Mac Mini e Mac Studio.

Speciali
Shopping
  •  
  •