Apple Keyframer – AI per creare animazioni 2D

Quando si cercano nuovi sviluppi Apple, non è più sufficiente cercare documenti specifici presso l’ufficio brevetti statunitense. Soprattutto nel campo dell'intelligenza artificiale, ora bisogna tenere d'occhio anche le piattaforme per la ricerca scientifica, anche e soprattutto nel campo dell'intelligenza artificiale (AI). E quando lo fai, ti imbatti nell'Apple Keyframer. Questa nuova intelligenza artificiale di Apple garantisce che i file SVG (grafica vettoriale con singoli oggetti come elementi di immagine) possano essere animati utilizzando semplici comandi di testo. A tale scopo il testo inserito viene convertito in un codice CSS e questo viene poi applicato ai rispettivi elementi dell'immagine.

Ecco come funziona l'animazione con i comandi di testo utilizzando Apple Keyframer AI. L'elemento immagine denominato viene riconosciuto e l'animazione desiderata viene applicata al suo identificatore tramite codice CSS. Le modifiche possono quindi essere apportate dall'utente.
Ecco come funziona l'animazione con i comandi di testo utilizzando Apple Keyframer AI. L'elemento immagine denominato viene riconosciuto e l'animazione desiderata viene applicata al suo identificatore tramite codice CSS. Le modifiche possono quindi essere apportate dall'utente.

Cos'è Apple Keyframer?

Apple Keyframer non è ancora un'app o una funzione completa in un sistema operativo. Piuttosto, è una prova di concetto. Oltre agli sviluppi propri di Apple, per realizzare l'animazione basata su testo sono state utilizzate alcune applicazioni di terze parti. Ad esempio, il modello linguistico GPT4 offerto da OpenAI è stato utilizzato per convertire i prompt immessi in codice CSS. È stato inoltre condotto uno studio sugli utenti per verificare l'applicabilità del concetto Boxy svg utilizzato per consentire ai partecipanti di interagire con i file SVG e gli identificatori dei singoli elementi dell'immagine. Chiunque capisca l'inglese può seguire l'approccio su 31 pagine leggilo in questo articolo.

Per cosa può essere utilizzato Keyframer in dettaglio?

Secondo le informazioni precedenti, Apple Keyframer può essere utilizzato per spostare determinati elementi dell'immagine o modificarli in altro modo in un determinato periodo di tempo. Ad esempio, puoi far ruotare un pianeta o far brillare le stelle. Possono anche passare nuvole nel cielo o bolle d'aria salire nell'acqua. Sono tutti esempi abbastanza semplici, ma con l'impegno necessario possono sicuramente essere utilizzati per realizzare animazioni più complesse e dalla grafica più elaborata. A proposito, non è possibile utilizzare foto o disegni in formato JPEG o PNG. Finora la tecnologia è stata limitata ai file SVG, che hanno un proprio livello e quindi un identificatore per ogni singolo elemento.

Per i primi test sono state incluse anche applicazioni di terze parti. Qui, ad esempio, Boxy SVG per gestire i file immagine e i loro singoli elementi.
Per i primi test sono state incluse anche applicazioni di terze parti. Qui, ad esempio, Boxy SVG per gestire i file immagine e i loro singoli elementi.

Per cosa potrebbe essere utilizzata l'intelligenza artificiale del keyframer finita?

Di animazioni in Applicazione Keynote Molto è immaginabile, inclusa l'animazione di oggetti nel software di editing video di Apple. Resta da vedere se Keyframer uscirà come app autonoma in cui sarà possibile creare animazioni. La nuova AI di Apple può anche aiutare nei lavori di progettazione e animazione se viene ampliata per soddisfare i requisiti lì. Inoltre, come app autonoma più piccola per uso privato o per l’utilizzo in piccole imprese, potrebbe aiutare a creare contenuti sui social media. Ciò significa che le PMI non devono incaricare un'agenzia per semplici video pubblicitari. Sicuramente ci sono molti altri usi possibili.

iOS 24 e macOS 18 saranno presentati alla WWDC15

Si presume che Apple integrerà diverse funzioni AI in iOS 18 e probabilmente anche in iPadOS 18 e macOS 15. Oltre ad un miglioramento per l'assistente vocale Siri, Apple sembra ora concentrarsi sempre di più su questi aspetti Riconoscimento delle immagini, elaborazione delle immagini e animazione per concentrarsi. È possibile che l'attenzione non sia solo sugli scopi creativi, ma anche sugli aiuti operativi. Lo sapremo esattamente da giugno, quando Apple terrà la WWDC24.

Ti è piaciuto l'articolo e le istruzioni sul blog ti hanno aiutato? Allora sarei felice se tu il blog tramite un'iscrizione stabile sosterrebbe.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con * segnato

Nel blog di Sir Apfelot troverai consigli, istruzioni e recensioni sui prodotti Apple come iPhone, iPad, Apple Watch, AirPods, iMac, Mac Pro, Mac Mini e Mac Studio.

Speciali