Niente Apple Car: secondo informazioni privilegiate, il "Progetto Titan" verrà annullato

Secondo informazioni privilegiate, Apple rinuncerà al "Progetto Titan", in corso da un decennio. Ciò significa che il produttore di iPhone sta abbandonando la ricerca sulla propria auto. Alcuni dei 2.000 dipendenti del settore automobilistico si trasferiranno nel dipartimento AI. Cosa ne sarà del resto non è ancora chiaro. Ci sono state segnalazioni a riguardo un mese fache Apple deve ridimensionare le sue ambizioni riguardo alla guida autonoma. Invece del livello 5 (completamente autonomo) o del livello 4 (solo pochi interventi), dovresti lavorare verso il livello 2+ (assistenza parzialmente automatizzata). Ciò probabilmente avrebbe lasciato Apple non competitiva.

Apple ha concluso il suo “Progetto Titano”. Secondo informazioni privilegiate, i lavori sulla Apple Car verranno interrotti. Dopo circa 10 anni di ricerca e sviluppo, molti dei soggetti coinvolti dovrebbero essere in grado di passare al settore dell’intelligenza artificiale.
Apple ha concluso il suo “Progetto Titano”. Secondo informazioni privilegiate, i lavori sulla Apple Car verranno interrotti. Dopo circa 10 anni di ricerca e sviluppo, molti dei soggetti coinvolti dovrebbero essere in grado di passare al settore dell’intelligenza artificiale.

La decisione sarebbe stata comunicata da Jeff Williams e Kevin Lynch

Jeff Williams è il Chief Operating Officer (COO) di Apple e, tra le altre cose, guida il team di progettazione e il reparto software e hardware dell'Apple Watch. Kevin Lynch è il vicepresidente della tecnologia di Apple ed è stato responsabile, tra le altre cose, dello sviluppo iniziale dell'Apple Watch. I due dovrebbero essere nel progetto Titano Ad oggi, martedì 27 febbraio 2024, i dipendenti hanno comunicato la notizia che lo sviluppo automobilistico verrà ridotto gradualmente e alla fine abbandonato.

Secondo fonti che citano addetti ai lavori interni, i due capi avrebbero detto al team Auto che "molti" di loro possono spostarsi nell'area dell'IA. Ma non ci sono ancora numeri precisi. La divisione AI è guidata da John Giannandrea, che è il vicepresidente di Apple. John Giannandrea è in Apple dal 2018 e in precedenza ha lavorato per otto anni presso Google, anche nel settore dell’intelligenza artificiale. Nell’ambito degli attuali sforzi di Apple per mettersi al passo con la concorrenza dell’intelligenza artificiale, potrebbe sicuramente essere utile qualche mano in più (e menti intelligenti).

Le priorità sono fissate diversamente: intelligenza artificiale generativa anziché guida autonoma

Negli ultimi dieci anni sono cambiate molte cose per Apple e per la sua posizione nel mercato tecnologico. Dopo che intorno al 2014 iniziarono i lavori sul Progetto Titan e quindi sui piani per un'auto Apple autonoma, lo sviluppo dell'Apple Vision Pro seguì solo pochi anni dopo. Perché ora volevano giocare anche nell'area AR o VR.

Il Vision Pro è ora nella sua prima versione portato sul mercato, ma nella fase finale del loro sviluppo, Apple ha affrontato un altro nuovo aspetto del mondo in continua evoluzione della tecnologia: l’intelligenza artificiale generativa. Dopo il boom registrato in questo settore nel 2022 e nel 2023, è stata necessaria una reazione rapida. Si ritiene che Apple affronterà il contenuto AI di iOS 24 e macOS 18 alla WWDC15 di giugno.

Ma il lavoro non sarà ancora completamente terminato. Apple deve ora mantenere la propria attenzione sull’intelligenza artificiale generativa come area di mercato che può essere gestita rapidamente. Probabilmente alla fine si è messo in mezzo il progetto Titan, che era rimasto in disparte per un decennio e non stava ancora andando in una direzione specifica. Infine, come accennato all'inizio, il consiglio avrebbe dovuto esercitare pressioni affinché si ottenessero finalmente dei risultati. Da qui il downgrade dei piani di autonomia dell'auto. 

Ora sembra che sia stata raggiunta l'intuizione definitiva al riguardo. Un'auto Apple con aiuto per mantenere la corsia, assistenza alla guida negli ingorghi e assistenza al parcheggio difficilmente si distinguerebbe dalla concorrenza. A causa dei lunghi tempi di sviluppo e del design del sistema proprietario, anche il prezzo (che si dice sia di 100.000 dollari) sarebbe troppo alto. Quindi un altro prodotto che seguirebbe il percorso limitato del Vision Pro. È comprensibile che la corda sia stata tirata qui, anche, ma non solo, a causa dello sviluppo dell’intelligenza artificiale.

Fonti: 1, 2, 3, 4

Ti è piaciuto l'articolo e le istruzioni sul blog ti hanno aiutato? Allora sarei felice se tu il blog tramite un'iscrizione stabile sosterrebbe.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con * segnato

Nel blog di Sir Apfelot troverai consigli, istruzioni e recensioni sui prodotti Apple come iPhone, iPad, Apple Watch, AirPods, iMac, Mac Pro, Mac Mini e Mac Studio.

Speciali