Recensione OneOdio Monitor 60: cuffie da studio cablate messe alla prova

Recensione di OneOdio Monitor 60

I toni medi bilanciati, gli alti cristallini e un profilo audio Hi-Res profondo e intenso sono caratteristiche che OneOdio utilizza per pubblicizzare le sue cuffie over-ear "OneOdio Monitor 60". Vorrei chiarire quanta verità ci sia in queste promesse nel rapporto di prova. OneOdio mi ha dato le cuffie gratuitamente, ma non c'è alcuna influenza sul rapporto.

Cuffie OneOdio con cavo, Monitor 60 Cuffie professionali da studio chiuse 38 Ohm,...
  • AUDIO HI-RES: toni medi bilanciati, alti cristallini con driver audio da 50 mm per Hi-Res profondi e intensi ...
  • PERFETTE PER LO STUDIO: cuffie professionali da studio per il monitoraggio e la registrazione in un design over-ear compatto che...
  • ADATTATORE SENZA: L'auricolare Monitor 60 dj include un cavo da 1.2 m con microfono per le chiamate telefoniche, un 3.5 mm per ...
Le cuffie over-ear OneOdio Monitor 60 testate da Sir Apfelot.
Le cuffie over-ear OneOdio Monitor 60 testate da Sir Apfelot.

Specifiche per OneOdio Monitor 60

Prima di arrivare alla mia recensione vera e propria, vorrei presentarvi brevemente le specifiche tecniche delle cuffie:

  • Produttore: OneOdio
  • Modello: Monitor 60
  • Tipo: cuffie circumaurale/over-ear
  • Applicazione: cuffie DJ, mastering, studio, monitoraggio, trasmissione, missaggio, tracciamento, ascolto personale
  • Collegamento cuffie: jack da 3,5 mm
  • Funzione headset: si, tramite il cavo incluso con microfono integrato
  • Driver audio: 50 mm
  • Sensibilità: 110dB ± 3dB
  • Impedenza: 38Ω
  • Intervallo di frequenza: 20Hz-40KHz
  • Peso: 310g
  • Max. potenza in ingresso: 1600 mW a 1 KHz
  • Padiglioni girevoli: 90° in entrambe le direzioni
  • Paraorecchie: memory foam in pelle proteica spessa 3 cm (area aperta all'interno per le orecchie di circa 60 mm di diametro)
  • ANC: no
  • Bluetooth: no
  • Prezzo: circa EUR 75 (Amazon)
Il pacchetto delle cuffie da studio OneOdio sembra piuttosto nobile e il contenuto non delude, né il suono, ma ne parleremo più avanti.
Il pacchetto delle cuffie da studio OneOdio sembra piuttosto nobile e il contenuto non delude, né il suono, ma ne parleremo più avanti.

 

In questa foto puoi vedere la fornitura completa di OneOdio Monitor 60 - dall'immagine manca solo il manuale.
In questa foto puoi vedere la fornitura completa di OneOdio Monitor 60 - dall'immagine manca solo il manuale.

Oltre alle cuffie stesse, la fornitura delle cuffie include anche una borsa per il trasporto (senza custodia rigida), un manuale e tre cavi in ​​modo da poter fare a meno di un adattatore:

  • Cavo jack da 3,5 mm a 3,5 mm con una lunghezza di 3 metri
  • Cavo a spirale jack da 3,5 mm a 6,35 mm con una lunghezza da 1,5 a 3,0 metri
  • Cavo con microfono da 3,5 mm a jack da 3,5 mm con una lunghezza di 1,2 metri
È incluso anche un cavo con microfono integrato. Ciò significa che le cuffie OneOdio possono essere utilizzate anche come cuffie.
È incluso anche un cavo con microfono integrato. Ciò significa che le cuffie OneOdio possono essere utilizzate anche come cuffie.

Qualità di produzione e ottica

Con le cuffie da studio sotto i 100 euro, non dovresti aspettarti miracoli dai materiali. Di conseguenza, si potrebbe anche chiamare il OneOdio Monitor 60 "bombetti di plastica", perché a parte l'archetto, che ha un'anima in alluminio, le cuffie sono principalmente realizzate in plastica.

Dal mio punto di vista, questo non è tragico, perché la qualità di fabbricazione mi sembra ancora abbastanza buona. Le cuffie sono ben fatte e non sembrano particolarmente traballanti o filigranate, nonostante la plastica. Ok, con le mie Apple AirPods Max metterei fuori combattimento un ladro senza esitazione, cosa che probabilmente finirebbe bene per lo scassinatore con il OneOdio Monitor 60, ma confrontare questi due modelli di cuffie anche in termini di lavorazione è un po' ingiusto. Il OneOdio Monitor 60 costa circa 75 euro e gli Apple AirPods Max costano ancora ben oltre i 400 euro anche nel confronto dei prezzi.

A mio avviso, il OneOdio Monitor 60 non ha nulla di cui lamentarsi in termini di lavorazione. Solo la presa jack, che si trova sulle cuffie per il cavo da 3,5 mm, mi sembra un prodotto custom, in quanto ha un lato appiattito con una pallina. Potrebbe essere un problema se il cavo incluso si rompesse, poiché non so se OneOdio li offra singolarmente. Purtroppo non sono riuscito a trovare nulla di adatto su Amazon.

Qui puoi vedere la connessione speciale che OneOdio ha integrato per le cuffie. Non posso dire se è una buona idea. Quando si sostituisce il cavo, probabilmente dovrai fare affidamento su OneOdio (foto: Sir Apfelot).
Qui puoi vedere la connessione speciale che OneOdio ha integrato per le cuffie. Non posso dire se è una buona idea. Quando si sostituisce il cavo, probabilmente dovrai fare affidamento su OneOdio (foto: Sir Apfelot).

Copri auricolari: pelle artificiale proteica, purtroppo non vegana

A proposito, il materiale con cui sono rivestiti i cuscinetti auricolari è la cosiddetta pelle proteica. All'inizio suonava come qualcosa di vegano, ma da quello che ho letto è una specie di finta pelle con aggiunta di polvere di vera pelle per renderla più simile alla pelle.

Avrei voluto che le aziende smettessero gradualmente di utilizzare tali ingredienti animali. È facile realizzare un rivestimento in tessuto decente o semplicemente utilizzare l'ecopelle senza alcuna miscela. I vegani tra noi sarebbero felici se le cuffie potessero un giorno fare a meno della pelle.

I cuscinetti auricolari di OneOdio Monitor 60 sono estremamente spessi e morbidi. Non solo garantiscono un sedile confortevole, ma filtrano anche molti rumori di fondo dall'esterno.
I cuscinetti auricolari di OneOdio Monitor 60 sono estremamente spessi e morbidi. Non solo garantiscono un sedile confortevole, ma filtrano anche molti rumori di fondo dall'esterno.

Comfort e spazio per le orecchie

Questi sono due punti che sono molto importanti per me quando si tratta di cuffie over-ear, oltre al suono, ovviamente. Ed è qui che OneOdio Monitor 60 si trova davvero nella categoria "molto conveniente". Il cuscinetto auricolare è in realtà abbastanza grande da racchiudere le orecchie ed è così spesso e morbido che non c'è nulla che pizzichi o scomodi qui.

L'archetto può essere regolato più volte ed è anche ben imbottito. Una volta bloccato in posizione, inoltre, non si sposta velocemente come molte altre cuffie.

Le cerniere sui padiglioni auricolari consentono di ruotare i padiglioni auricolari di 90 gradi in qualsiasi direzione. La qualità di elaborazione mi sembra abbastanza robusta, nonostante l'uso della plastica.
Le cerniere sui padiglioni auricolari consentono di ruotare i padiglioni auricolari di 90 gradi in qualsiasi direzione. La qualità di elaborazione mi sembra abbastanza robusta, nonostante l'uso della plastica.

Cancellazione del rumore senza ANC elettronico

Una cosa che ho notato anche io positivamente: i cuscinetti auricolari sono abbastanza spessi e le cuffie hanno un design chiuso. Ciò garantisce che il rumore proveniente dall'esterno sia notevolmente ridotto. La costruzione filtra notevolmente i toni alti particolarmente fastidiosi anche senza elettronica.

Quando stavo ascoltando la musica, mia moglie è venuta e voleva parlarmi, ma riuscivo a malapena a capirla, cosa che di solito accade solo con le mie cuffie attive con cancellazione del rumore (ANC).

Sulla sinistra c'è l'AKG K240 MK II e sulla destra c'è il OneOdio Monitor 60 - dal punto di vista del suono sono abbastanza simili, ma le cuffie OneOdio offrono un po' più di potenza nella gamma dei bassi.
Sulla sinistra c'è l'AKG K240 MK II e sulla destra c'è il OneOdio Monitor 60 - dal punto di vista del suono sono abbastanza simili, ma le cuffie OneOdio offrono un po' più di potenza nella gamma dei bassi.

Il suono a confronto: OneOdio Monitor 60 vs. AKG K 240 MK II

Le uniche cuffie della mia collezione che passeranno per cuffie da studio sono le mie AKG K240 MK II (ecco la mia recensione di questo). Anche queste sono cuffie over-ear, ma dal design aperto. Nonostante questa differenza, mi sembra che un confronto in termini di suono abbia senso, perché le AKG K240 MK II sono attualmente disponibili per circa 60 euro.

Ovviamente non ho l'udito di un tecnico del suono addestrato per interpretare l'audio, ma sento che OneOdio Monitor 60 fa un buon lavoro. Come ci si aspetterebbe dalle cuffie da studio, i medi e gli alti non sono appianati, come nel caso di alcune altre cuffie che sono rifinite nello spettro sonoro più verso la "musica moderna" con molti bassi.

Tuttavia, i bassi del OneOdio Monitor 60 sono belli, asciutti e chiari e gli alti non sono fastidiosamente striduli. Quindi il suono è piacevolmente equilibrato.

C'è una differenza udibile rispetto all'AKG, ma non posso dire che uno sia migliore o peggiore. Entrambi suonano molto equilibrati, come dovrebbero essere le cuffie da studio. Solo nella gamma dei bassi l'AKG è forse un po' più debole dell'OneOdio.

Dal mio punto di vista, il suono del OneOdio Monitor 60 è molto gradevole. Durante l'ascolto, puoi separare chiaramente diversi strumenti e voci l'uno dall'altro e i bassi non sono un boom esagerato, ma sono chiari, distinti e non fangosi.

A sinistra il OneOdio Monitor 60 e a destra gli Apple AirPods Max - e sì: le cuffie OneOdio sono davvero così grandi e coccolose.
A sinistra il OneOdio Monitor 60 e a destra gli Apple AirPods Max - e sì: le cuffie OneOdio sono davvero così grandi e coccolose.

OneOdio Monitor 60 vs Apple AirPods Max

Avevo già indicato che le due cuffie in realtà non dovrebbero essere confrontate per via della grande differenza di prezzo. Lo farò comunque perché forse alcuni di voi possiedono gli AirPods Max e un confronto ha senso per questo motivo.

Se ascolti alcuni brani con entrambi gli altoparlanti e passi rapidamente avanti e indietro, noterai che la risoluzione di OneOdio Monitor 60 è meno chiara. Dal mio punto di vista, gli AirPods Max offrono un'immagine sonora ancora più chiara, in cui è possibile ascoltare tutti i dettagli della musica. Tuttavia, questo è stato sentito anche dai tester audiofili degli AirPods Max. Sembrano davvero follemente buoni.

Ma sembra che OneOdio Monitor 60 non vada bene. Ma non è così considerando la fascia di prezzo. Potrebbero potenzialmente rompersi di più nella gamma media, ma lo chiamerei piagnucolare ad alto livello.

Per collegare OneOdio Monitor 60 a un iPhone, è necessario un adattatore da Lightning a Aux. E il migliore che ho trovato finora è quello originale di Apple.
Per collegare OneOdio Monitor 60 a un iPhone, è necessario un adattatore da Lightning a Aux. E il migliore che ho trovato finora è quello originale di Apple.

È possibile utilizzare OneOdio Monitor 60 su iPhone?

Si, puoi. È proprio così che l'ho provato anch'io. Dato che i modelli di iPhone non hanno più un'uscita jack da un po', per collegare le cuffie all'iPhone è necessario utilizzare un adattatore da Lightning a Aux.

Dopo molti errori con questi adattatori, sono giunto alla conclusione che il piccolo adattatore Apple (qui su Amazon) è l'unico che effettivamente fa il suo lavoro da anni e alla fine non riconosce il suo servizio con il messaggio "Accessorio non compatibile".

Ci sono alcune recensioni su Amazon che si lamentano dello scarso suono delle cuffie poiché suonano totalmente deboli. Sono preoccupato che queste persone possano avere problemi a collegare correttamente il proprio smartphone e di conseguenza le cuffie non riceveranno abbastanza energia. Posso prometterti che se usi l'adattatore Apple suona decente.

A proposito: se desideri collegare tali cuffie cablate al tuo iPad con una porta USB-C, dovresti procurarti l'adattatore Apple originale da USB-C a jack da 3,5 mm (qui su Amazon).

Grazie agli snodi, le cuffie OneOdio possono essere ripiegate per risparmiare spazio.
Grazie agli snodi, le cuffie OneOdio possono essere ripiegate per risparmiare spazio.

Adatto per DJ? Con restrizioni...

OneOdio Monitor 60 è anche pubblicizzato come cuffie DJ. Tuttavia, vedo una piccola critica qui, perché ai DJ piace ripiegare un padiglione auricolare in modo da poter sentire cosa sta suonando in un orecchio e cosa esce dalle cuffie nell'altro. Questo è possibile anche con il OneOdio Monitor 60, ma la parte posteriore del padiglione auricolare non è imbottita e quindi abbastanza scomoda se lo si fissa attorcigliato alla testa.

Probabilmente sarebbe meglio se OneOdio avesse pianificato una parte posteriore corrispondente sui padiglioni auricolari in modo da poterli indossare a testa in giù sull'orecchio o sulla testa per un po'. Tuttavia, non sono un DJ e non posso davvero dire se questo sia un problema nella pratica. È solo un pensiero che ho avuto mentre guardavo i padiglioni auricolari.

Cuffie OneOdio con cavo, Monitor 60 Cuffie professionali da studio chiuse 38 Ohm,...
  • AUDIO HI-RES: toni medi bilanciati, alti cristallini con driver audio da 50 mm per Hi-Res profondi e intensi ...
  • PERFETTE PER LO STUDIO: cuffie professionali da studio per il monitoraggio e la registrazione in un design over-ear compatto che...
  • ADATTATORE SENZA: L'auricolare Monitor 60 dj include un cavo da 1.2 m con microfono per le chiamate telefoniche, un 3.5 mm per ...

OneOdio Monitor 60: una raccomandazione, vero?

Penso che se stai cercando una cuffia cablata che abbia un suono decente, che sia comoda da indossare, che riduca molto il rumore dall'esterno grazie alla sua imbottitura e che sia abbastanza ben fatta, sarai felice con OneOdio Monitor 60 .

Per me, OneOdio Monitor 60 suona come cuffie che puoi usare come cuffie di tutti i giorni anche senza uno studio. Se vuoi, puoi averlo tu stesso guarda qui su Amazon.

OneOdio Monitor 60 Manuale e Guida per l'utente

Nel caso qualcuno stia cercando il manuale utente per OneOdio Monitor 60, ne ho scattato una foto e l'ho incluso qui come immagine:

Manuale utente di OneOdio Monitor 60
È incluso anche un cavo con microfono integrato. Ciò significa che le cuffie OneOdio possono essere utilizzate anche come cuffie.

I miei consigli e trucchi sulla tecnologia e su Apple

Ti è piaciuto l'articolo e le istruzioni sul blog ti hanno aiutato? Allora sarei felice se tu il blog tramite un'iscrizione stabile sosterrebbe.

Il sito contiene link/immagini di affiliazione: Amazon.de

Commenti 3 su "OneOdio Monitor 60 nel test: cuffie da studio cablate sul banco di prova"

  1. Oliver Mengedot

    “...è una specie di finta pelle a cui è stata aggiunta della polvere di vera pelle per renderla più simile alla pelle.
    Avrei voluto che le aziende abbandonassero gradualmente l'uso di tali ingredienti animali".
    Bene, vorrei che fosse usata la pelle e non la plastica/pelle artificiale, che è molto più comoda sull'orecchio e ci sono sicuramente abbastanza plastiche. Qualcosa di ricrescibile potrebbe non essere poi così male (e sicuramente il più comodo e meno sudato sull'orecchio).

    Bel lavoro, Olly

    1. Certo, è una questione di gusti. Posso immaginare che in estate diventi abbastanza sudato sotto i cuscinetti auricolari. C'è un altro modello OneOdio con tessuto in velluto... è il meglio che posso immaginare.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con * segnato

Nel blog di Sir Apfelot troverai consigli, istruzioni e recensioni sui prodotti Apple come iPhone, iPad, Apple Watch, AirPods, iMac, Mac Pro, Mac Mini e Mac Studio.

Speciali
Shopping
  •  
  •